sabato 10 ottobre 2009

SECONDO GIORNO E NOTTE

La notte si timona a turno di due ore, il mio turno sara' alle 8 del mattino

mi sveglio presto perche' ho voluto dormire fuori, sotto un cielo che rinfresca e che adoro rispetto a stare in 14 dentro la barca dove non tira una buona aria.

inizio il mio turno con anticipo perche' vedo il ragazzo stanco e non passano 5 minuti che ci ritroviamo nel mezzo della tempesta

il capitano mi guarda e ride mentre raffiche di vento mi riempiono d'acqua che non so se cade dal cielo o sale dal mare

finalmente dopo 20 minuti decide di venire in mio soccorso ed io inzuppata mi siedo in un angolo sul pontine mentre la tempesta continua a scuotere la barca e noi dentro
mi preoccupo per la moto, non stacco un attimo gli occhi da lei e dai punti di riferimento che ho preso per capire se si sta muovendo (se dovesse cadere sarebbe irrimediabilmente persa)
la tempesta si attenua solo dopo un altra ora di ballo intenso
si timona dolcemente verso le isole SAMBLAS dove arriveremo a notte fonda (insistono nel rammentarmi che e' tutta colpa del mio ritardo di ieri mattina)

e ci accoglie la luna piena

APPENA POSSO VI METTERO' LA FOTOGRAFIA
per ora internet mi costa 2 dollari ora ed e' lentissimo

3 commenti:

  1. sono molto suggestive le immagini che trasmetti coi tuoi post, il veliero, la tempesta, l'alba che sale dalle onde....tu, Ulisse e pochi altri

    RispondiElimina
  2. A me stò Capitano mi sta antipatico ....

    RispondiElimina
  3. Un passo alla volta vedrai che questi tizi li perderai per strada, per fortuna.....

    Ora come stai?

    RispondiElimina