mercoledì 6 gennaio 2010

DIALOGO con Claudio Giovenzana

è un viaggiatore Italiano
è una persona che non ho mai visto ma che conosco via chat ..
ho fiducia e stima in lui ..tanto che ha alcuen cose per me importanti
e qui vi riporto una sua frase che CONDIVIDO

" la gente ha la tendenza a pensare al viaggio in modo UNIDIMENSIONALE, il vaiggio non si muove solo in KM "

dedicata a tutti quelli che non lo han capito .. e vedono il viaggio come un RAGGIUNGERE UN LUOGO

5 commenti:

  1. c'è sempre un luogo da raggiungere, che ti piaccia o no c'è
    c'è nel cuore di ognuno di noi
    è nella natura dell'uomo essere curioso e cercare un luogo dove soddisfarla
    un viaggio ha sempre una meta
    ma ha ragione il tuo amico
    spesso questa meta ha più dimensioni
    Fabrizio T.

    RispondiElimina
  2. Matteo dalla Toscana6 gennaio 2010 23:32

    La meta è solo il prestesto per vivere ciò che c'è in mezzo tra dove ti trovi e la meta stessa.
    Una volta raggiunta la meta te ne poni subito un'altra anche se fosse la stessa dalla quale sei partita. E quando torni non sarà mai la stessa di come l'hai lasciata...non tanto perchè è cambiato il posto dal quale sei partito ma perchè cambiamo ad ogni viaggio.
    Cito a memoria ma non ricordo da quale fonte: Non siamo noi a cambiare i viaggi ma sono i viaggi a cambiare noi.

    RispondiElimina
  3. concordo pienamente con tutti voi...

    il viaggio siamo noi stessi, la nostra vita... quotidianamente ognuno di noi viaggia anche se fisicamente magari solo di poche metri...purtroppo il fatto di non pensarci o di non rendersene conto fa si che il viaggio in se diventi solo spostamento, km o luoghi da raggiungere

    RispondiElimina
  4. Nicola Passuello8 gennaio 2010 09:12

    Esistono gli spostamenti, che si affrontano pensando ad altro, al lavoro alla morosa, al poco tempo per raggiungere il luogo, ed esistono i Viaggi!! nel viaggio si usa la pancia, il cuore, del gomme, le pasticcerie, le osterie, le fontane, gli occhi, il culo che duole, la testa per pensare, le braccia per abbracciare gli orizzonti, le dita per riparare, l'erba per distendersi e guardare le nuvole che passano....e....sono sempre diverse come noi in viaggio Nico

    RispondiElimina